VegOut: Kyoto

24 03 2013

haku un an, uji

Già sapete del mio amore particolare per il Giappone. E se il Giappone è una delle mie grandi passioni, la sua antica capitale, Kyoto, col suo ricco patrimonio storico-architettonico, è uno dei luoghi che più sento miei ogni volta che ci vado. Di questa splendida città già ne avevo parlato, così come di alcuni posti dove andare a mangiare. Completo la panoramica veg-culinaria di questa città con tre raccomandazioni, tre piccoli segreti ben nascosti da assaporare con calma.

kanga an, kyoto

KANGA AN
Il Kanga An è un luogo oserei dire magico. Un tempio ancora funzionante, l’unico a offrire piatti di fucha ryōri (la cucina vegetariana buddhista giapponese) anche la sera. Il complesso risale al XVII secolo, ben nascosto in una stretta via tra costruzioni più moderne, ed era all’epoca frequentato assiduamente anche dalla famiglia imperiale. Si accede al tempio di legno vero e proprio tramite un sentiero acciottolato pittorescamente illuminato da lanterne, mentre i due lati sono costeggiati dai padiglioni dove ci si accomoda per il pranzo o la cena.

kanga an, kyoto kanga an, kyoto kanga an, kyoto kanga an, kyoto

Seduti su comode sedie (non sul tatami, che sarà pure bello e caratteristico, ma pure piuttosto scomodo per noi poveri europei), separati dagli altri commensali da porte scorrevoli, si gustano le varie portate godendosi anche la suggestiva vista sui giardini alla giapponese. Come capita spesso in Giappone, la vista viene sollecitata quanto il palato, con l’ambientazione, con i colori e le curatissime preparazioni dei piatti. Si va dalla finta anguilla vegetale, realizzata sapientemente con glutine e alga nori, al tofu di sesamo, al tempura vegetale in cui figurano anche fiori e bacche di ginko biloba. Presentazioni, profumi e consistenze sono perfettamente calibrate.

kanga an, kyoto kanga an, kyoto kanga an, kyoto kanga an, kyoto kanga an, kyoto kanga an, kyoto

Il pranzo varia tra i JPY 5250 e i JPY 8400 (EUR 40-68), la sera si cena a JPY 12600-16800 (EUR 100-135). Davvero ben spesi, per un’esperienza che sicuramente rimarrà indelebile nella memoria. Si pranza dalle 12 alle 15, e la cena viene servita tra le 17 e le 21. Il tempio è vicinissimo alla stazione della metro Kuramaguchi.

kanga an, kyoto kanga an, kyoto kanga an, kyoto kanga an, kyoto kanga an, kyoto kanga an, kyoto

Kanga An
278 Shingoryōguchi-chō
Kita-ku
Kyoto
Tel. +81752562480

VILLAGE & PADMA CAFE
Nascosto nel retro di un cortile, sopra un ristorante di ramen, questo locale è quanto di più diverso ci possa essere dal Kanga An. Piccolo e scarsamente illuminato, ospita concerti dal vivo e una cucina rapida ed eco-friendly, tra cui spiccano alcuni piatti vegan indicati chiaramente sul menù (solo in giapponese). A pranzo è tutto vegan, la sera servono invece anche pesce. Il locale è chiuso il lunedì, gli altri giorni è aperto per pranzo dalle 11.30 alle 14.30, e a cena dalle 18.00 alle 24.00

village, kyoto village, kyoto

Io ci sono capitato nel mezzo di un jam-session di musica elettronica. Unico occidentale, mi sono gustato il mio menù vegetale a base di riso integrale, tofu, tempura e verdure, perforandomi i timpani e soddisfacendo la curiosità degli altri avventori su come diavolo fossi finito lì dall’Italia.

village, kyoto

Village & Padma Café
95 Tsukita-chō
Sakyō-ku
Maizon Shirokawa 202
Tel. +81757123372

HAKU UN AN
Uji, cittadina alla periferia sud di Kyoto, è famosa per i suoi splendidi templi, per essere l’ambientazione dei capitoli finali del Genji Monogatari, ma soprattutto per le sue piantagioni di tè verde, considerato uno dei più pregiati al mondo (e la Tsuen-cha-ya è considerato il più antico negozio di tè del mondo, risalente al XII secolo). Tutto questo per introdurre lo Haku-Un-An, uno dei classici ristoranti di fucha-ryōri che preparano e servono la tradizionale cucina vegetariana buddhista. Cucina che è assolutamente vegan in tutti i suoi piatti.

haku un an, uji

Il ristorante è situato di fronte al tempio Manpuku-ji e vi si accede attraverso uno splendido giardino tradizionale giapponese, che fa da contraltare ai vari piccoli edifici che compongono il ristorante (tra cui una piccola casa da tè circolare).

haku un an, uji haku un an, uji

Il cibo, armoniosamente servito da camerieri in kimono, viene presentato su grandi piatti comuni da cui ogni persona attingerà con le sue bacchette, in modo tale da creare uno spirito di armoniosa comunanza che è la base del fucha ryōri.

haku un an, uji haku un an, uji haku un an, uji haku un an, uji haku un an, uji haku un an, uji

È possibile scegliere tre diversi tipi di pasti, i costi variano da JPY 5300 a JPY 8400 (circa EUR 45-70). Il ristorante è aperto tutti i giorni tranne il mercoledì, dalle 11 alle 20 (ma bisogna arrivare entro le 18 per cenare). Consigliata la prenotazione. Per arrivarci prendete la JR Nara Line o la Keihan Uji Line dalla stazione di Kyoto e scendete a Obaku. Il ristorante è a 5 minuti a piedi.

Haku-Un-An
30 Shiura
Gokasho
Uji
Tel. +81774320700
www.hakuunan.com

 

Se l’articolo ti è piaciuto, vedi anche:

Café Proverbs 15:17
Seigen’in

Kyoto

  • Share/Bookmark

Azioni

Informazioni

10 commenti a “VegOut: Kyoto”

24 03 2013
erbaviola (19:18:31) :

scusa, stavo leggendo sognante della delicatezza dei locali di Kyoto finché non ho letto “jam session di musica elettronica” e sono scoppiata a ridere, sghignazzando per il resto del post. Immaginarti seduto pacificamente in mezzo a tale frastuono è davvero esilarante… scusa per la poca empatia!

27 03 2013
Yari (14:01:23) :

@erbaviola
Immaginami sempre molto zen e imperturbabile anche in questa situazione ;-)

4 04 2013
Titti (23:36:37) :

Di Kyoto ho un ricordo bellissimo e una gran voglia di ritornare in Giappone. Con queste tue indicazioni sarà ancora più bello.
PS Oggi ho acquistato “Il cucchiaio arcobaleno”. Meravigliose le ricette, impeccabili le descrizioni, fantastiche le foto. Mi impegno a provare tutte le ricette. Manca solo l’autografo dell’autore!!

9 04 2013
Ale (21:31:12) :

Questi piatti sono sorprendentemente belli ed armoniosi, che meraviglia! ^_^

14 04 2013
FrancescaV (17:21:29) :

Questi 3 locali che ha descritto mi hanno fatto sognare!

15 04 2013
My Sugar Is Raw (13:55:53) :

E’ sempre un piacere leggere dei tuoi viaggi, in Giappone non ci sono mai stato ma mi piacerebbe andarci presto, nel caso questi suggerimenti saranno utilissimi.
Mi unisco a Titti per l’apprezzamento al libro, davvero bello e interessante, complimenti!

Ciao
Franco

16 04 2013
elisabetta pendola (15:29:47) :

congratulazioni, sei un vip! questo non è un premio ma un riconoscimento per i miei blog preferiti. tu sei tra questi. da oggi sei ufficialmente Betty approved! (maggiori info qui:http://elisabettapendola.com/2013/04/15/intermezzo-melodrammatico/ )- ti conferisco il fiocco lo puoi appuntare dove ti pare (anche in bagno) ;) ce l’ha anche Imma di DolciAGoGo nella sidebar e altre star! : http://elisabettapendola.files.wordpress.com/2013/04/betty1_02.png?w=600

16 04 2013
Yari (23:29:02) :

@Titti
Se qualcuna poi non ti viene fammi sapere, mi raccomando! Kyoto è sempre affascinante!

@Ale
Pura estetica giapponese!

@FrancescaV
Soprattutto il Kanga An, è un luogo davvero magico!

@My Sugar Is Raw
Il Giappone lo consiglio a chiunque, soprattutto nel caso di una prima visita in Asia! Grazie per i complimenti!

@Elisabetta pendola
Davvero onoratissimo di averlo ricevuto, grazie mille!

8 05 2013
roberta cobrizo (22:06:30) :

che bello Yari. che sogno! :-)
potrei sapere cosa sono quelle belle tavolette verdi nell’ultima foto a dx? sono mattonelle di matcha pressato?
grazie,
R

26 05 2013
Yari (08:01:09) :

@roberta cobrizo
Esatto, mattonelle di zucchero e matcha pressato, da mangiare insieme al tè per stemperarne l’amarezza.

Lascia un commento

Puoi usare questi tag : <a href="" title="" target=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <code> <em> <i> <strike> <strong>




Bad Behavior has blocked 4563 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail