Sale in Zucca

31 10 2011

sale in zucca, turin

Torino si sta dimostrando una città davvero interessante per l’offerta di proposte vegan e vegan-amichevoli. E uno degli ultimi nati sotto la Mole è Sale in Zucca, biogastronomia vegana che ha aperto i battenti da qualche mese (da luglio, per la precisione). Arrivo ben gradito, soprattutto visto che la titolare è un’amica, Simona, particolarmente attenta anche alla scelta dei fornitori e dei prodotti utilizzati in cucina (quasi tutto bio, da notare anche l’utilizzo di posate, bicchieri e piatti in Mater-Bi). Se poi ci aggiungete che in cucina c’è un’altra amica e abilissima cuoca, Chiara (quella del Kitchen, tanto per intendersi…), il risultato non può che essere di sicuro successo.

sale in zucca, turin

Il locale è piuttosto spazioso, anche se si riempie facilmente (tenete conto che è una gastronomia con alcuni tavoli e posti a sedere, non un vero e proprio ristorante), dai piacevoli toni arancione, che lo rendono particolarmente accattivante e un po’ anni Settanta.

sale in zucca, turin sale in zucca, turin sale in zucca, turin

La cucina a vista propone ogni giorno una buona scelta di piatti stagionali segnalati quotidianamente anche sul sito. Vi troverete almeno due antipasti, tre primi, tre secondi, due contorni e uno/due dessert interamente vegetali.

L’ultima volta che ci sono stato, in compagnia di un amico, abbiamo iniziato con delle ottime crocchette di patate e piselli, seguiti da crostini di piselli all’aceto balsamico e insalata di carote con alghe e semi di girasole. A seguire lasagne appena sfornate (eccezionali), così come ottime sono le paste e i primi a base di cereali integrali.

sale in zucca, turin

Verdure di stagione (costine al limone questa volta) e un morbido e quanto mai gustoso flan di zucca hanno costituito il nostro secondo, ma anche il seitan che stava  cuocendo quando siamo arrivati aveva un aspetto assolutamente appetitoso.

A conclusione un’ardua scelta per il dessert, costituito da un invitante salame al cioccolato e un pan di Spagna farcito. Abbiamo optato per quest’ultimo, delicatamente intriso di rum e farcito con composta di albicocche e crema pasticcera.

sale in zucca, turin

Sale in Zucca è anche un negozio etico-vegan: vi troverete detersivi alla spina ecologici e non testati, prodotti per la prima infanzia, abbigliamento e libri (anche questi vegan, tra cui interessanti ricettari inglesi). Ma il punto forte è dato anche dai prodotti alimentari in vendita. Finalmente a Torino (e in Piemonte) è possibile reperire tutta una serie di golosità di non sempre facile reperibilità (se non ordinandoli via Internet), tra cui formaggi Vegusto, mopur, ricotta vegetale, burro di tofu, pasticceria vegan, cioccolato bianco e al latte di riso, invitanti creme al cioccolato da spalmare (da provare quelle di cioccolato al latte vegetale o quella arancia-cioccolato), panna montata spray e molto altro ancora. Il tutto è acquistabile comunque anche online.

Assolutamente da non perdere per chi dovesse capitare a Torino (nonché per chi ci vive), considerando anche il fatto che è comodamente situato in centro e a poca distanza dalla stazione ferroviaria di Porta Susa. 

sale in zucca, turin

Sale in Zucca
Via Santa Chiara, 45
10122 Torino
Metro: Principi d’Acaja
Autobus: Statuto Nord
Telefono: 011 5794968

Cucina: vegan biologica. 
Orari: lun-mer 10-19.30; gio 10-14.30; ven-sab 10-22.30, dom chiuso
Prezzi: EUR 6-14 bevande escluse.
Piatti vegan: tutti ottimi, tra le varie proposte, che variano di giorno in giorno, hummus, gnocchetti sardi alle cime di rapa con peperoncino, riso integrale alle verdure, lasagne ai porri, torta salata di porri e patate, tofu saltato con sesamo, straccetti di seitan al limone, broccoli a vapore in citronnette di senape, costine al limone, plumcake alla vaniglia.
Note: accessibile ai disabili; quattrozampe benvenuti; anche da asporto.

  • Share/Bookmark


Eating Out–Stoccolma

23 10 2011

lao wai, stockholm

Dato che ho vagonate di ristoranti e locali provati ancora da descrivere e da pubblicare, ecco a voi la prima puntata di “Eating Out” (mi scuso per l’anglicismo, non amo molto inserire termini inglesi quando scrivo in italiano, ma ci sono casi in cui la lingua di Albione è più immediata e concisa della favella nostrana), dedicata alla capitale svedese, di cui avrete forse letto le mie avventure estive più in basso.

hermitage, stockholm lao wai, stockholm chockladfabriken, stockholm

A Stoccolma (come in tutta la Svezia) essere vegetariani è una delle cose più semplici e girare non pone alcun tipo di problema. Qualsiasi ristorante offre almeno un’opzione vegetariana consistente, e in generale anche essere vegan non vi farà patire i morsi della fame. Stoccolma sta inoltre rinascendo come uno dei centri più interessanti dal punto di vista gastronomico, con ristoranti stellati e chef blasonati, nella speranza  che ciò stimoli in futuro una proposta vegetariana e vegan altrettanto interessante. Una mancanza che ho notato e di cui mi sono un po’ dispiaciuto è l’assenza di ristoranti che propongano cucina tipica svedese in versione vegetale. Certo i prodotti di origine animale hanno un peso preponderante nella husmanskost, ma non è difficile realizzare versioni cruelty-free di ricette tradizionali, come insegnano tanti eccellenti ristoratori a Londra o New York.
In cambio a Stoccolma è possibile assaporare eccellenti piatti etnici, date le grandi comunità straniere che vi risiedono (etiopi, libanesi, curdi, malesi, cinesi).

hermitage, stockholm

HERMITAGE
Piacevole ristorante a buffet in pieno centro storico. Legno, tavole di ardesia con il menù del giorno, toni chiari, proposte interessanti e a prezzi modici. Si spazia dalle crudité, ai legumi, all’hummus (ottimo), alle insalate di cereali. Tra i piatti caldi, un ottimo stufato di bistecche di soia o gli hamburger di cereali e verdure.
Pane fatto in casa, acqua e caffè sono inclusi nel prezzo. Buoni anche i dessert, tra cui spiccano le splendide crostate (una su tutte, quella di more artiche).
Il locale è aperto dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 20 (si cena presto in Svezia, ricordatevelo!), sabato e domenica dalle 12 alle 20. Facilmente accessibile ai disabili.

Stora Nygatan 11
111 27 Stockholm
Tel. +46 8 411 95 00
Metro: Gamla Stan

lao wai, stockholm lao wai, stockholm lao wai, stockholm

LAO WAI
Colpo di fulmine per Lao Wai, decisamente uno dei miei ristoranti preferiti in assoluto sulla faccia della Terra. Cucina cinese curata, menù interamente vegan, con numerosi piatti senza glutine. Il posto è minuscolo, sempre strapieno. Prenotate con anticipo (o presentatevi lo stesso facendo finta di nulla e ingraziatevi il cameriere).
I piatti sono per lo più versioni vegetali di preparazioni culinarie del Szichuan, tra cui il gong bau su rou, a base di carne di soia, peperoncini (da non mangiare!), peperoni, aglio, mais, arachidi in salsa agro-dolce, i ru yi wan zi, polpette vegetali brasate con cavolo cinese, taro, broccoli e funghi shiitake. Noi optiamo per lo yu xiang su ji, piatto tipico del Szichuan a base di pollo vegetale, castagne d’acqua, peperoncino, cipollotto e zenzero, e il ma po dou fu, tofu cinese con tritato di soia e verdure brasate.
I piatti sono entrambi notevoli. L’uso delle spezie è ben calibrato, e non c’è traccia di untuosità eccessiva nelle preparazioni. Le porzioni sono abbondanti ma non eccessive. Come accompagnamento birra cinese.  
Lao Wai utilizza solo ingredienti di prima qualità: la soia è senza ogm e molti prodotti sono da agricoltura biologica. Anche la cucina è a vista, il che garantisce un’igiene scrupolosa.

lao wai, stockholm lao wai, stockholm lao wai, stockholm

Ottimi i dolci: prendiamo un budino di riso nero con crema di cocco e zucchero grezzo di palma, decisamente cremoso, e una sensazionale panna cotta di cioccolato e mandorle con salsa di olivello spinoso e panna montata di riso. Altre opzioni interessanti sono i gelati fatti in casa, in tre originali combinazioni: litchi-citronella, pandano-cocco e bergamotto-cardamomo-pistacchio.
Anche la lista dei tè è ragguardevole, con un’ottima selezione di verdi cinesi biologici.
Assolutamente da provare quando si è a Stoccolma. Il ristorante è aperto a pranzo dal lunedì al venerdì (11-14) e la sera dal martedì al sabato dalle 17.30 alle 22 (la cucina chiude alle nove).

Luntmakargatan 74
113 51 Stockholm
Tel. +46 8 673 78 00
Metro: Rådmansgatan

malaysia, stockholm

MALAYSIA
Ristorante onnivoro di cucina malese, con una quindicina di piatti interamente vegetali (versioni vegan di piatti tradizionali). Utilizzano carni vegetali di soia, tra i piatti provati, tutti eccellenti, i ravioli ripieni, il curry rosso di “pollo” di soia in salsa piccante, e un eccezionale satay di pollo vegetale (ma quanto è buona la salsa di arachidi?). Il tutto innaffiato da birra thailandese.
Un solo dolce vegan, un budino di riso nero in crema di latte di cocco.
Buona la cucina, porzioni soddisfacenti, prezzo nella norma (svedese, quindi un po’ più caro rispetto ai nostri standard).

Luntmakargatan 98
111 37 Stockholm
Tel. +46 8 673 56 69
Metro: Rådmansgatan o Odenplan

naturbageriet sattva, stockholm

NATURBAGERIET SATTVA
Due punti vendita a Stoccolma di questa “panetteria naturale”. Quello in Gamla Stan, poco oltre l’Hermitage è ideale per trascorrere un’oretta tranquillamente seduti con una tazza di tè o caffè e una fetta di torta. L’altro a Södermalm propone lo stesso assortimento di delizie dolci e salate, quasi tutte vegan, però solo da asporto. Panetteria salutare, di ispirazione macrobiotica, con largo utilizzo di farine integrali e dolcificanti naturali. Tra i salati, i pirogi tofu e spinaci, o quelli alle alghe. Tra i dolci, si spazia dalla classica torta di carote svedese alla crostata di pere e noci pecan. Tutto delizioso. Apertura dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 18, e il sabato dalle 7 alle 16.

Stora Nygatan 6
111 27 Stockholm
Tel. +46 8 21 00 86
Metro: Gamla Stan

Krukmakarsgatan 27
118 51 Stockholm
Tel. +46 8 669 93 93
Metro: Zinkensdamm

ORGANIC GREEN
Non l’ho provato questa volta, ma è sempre lì, ad offrire i suoi piatti di ispirazione etnica in un ambiente informale e piacevole. Ci ero stato nel 2007, peccato non aver avuto il tempo di tornarci. Per maggiori info vedi qui.

Rehnsgatan 24
113 57 Stockholm
Tel. +46 8 612 74 84
Metro: Rådmansgatan

  • Share/Bookmark


Crostata di farro con crema di limone e timo

16 10 2011

farro pie with lemon and thyme custard

Nato come blog di cucina, ultimamente Il Cucchiaio di Legno sta diventando più un diario di viaggio che una raccolta di ricette. Non per questo ho smesso di cucinare, anzi, anche se sto documentando le mie sperimentazioni in cucina con meno frequenza di un tempo, la passione per i fornelli continua. E giusto per non diventare troppo monotematico, una ricetta buttata qua e là è doverosa, no?

Non so voi, ma a me i dolci a base di limone piacciono davvero tanto (con l’esclusione di sorbetti e gelati a base di questo splendido frutto giallo, di cui non vado particolarmente pazzo), forse anche più di quelli a base di cioccolato (forse…). Con la scusa anche del fatto che i limoni sono praticamente sempre di stagione, grazie anche alla loro capacità di conservazione, non c’è che da sbizzarrirsi in cucina. In particolare la ricetta di questa crostata, che raggruppa tre ingredienti tipici della nostra penisola, è frutto di tre esperimenti, di cui il primo piuttosto disastroso, ma che alla fine hanno condotto a un risultato decisamente soddisfacente, con una base croccante e rustica a base di farro e una morbida crema al limone esaltata dalla freschezza tipica del timo.

 

Crostata di farro con crema di limone e timo

Il burro di soia può essere sostituito da pari quantità di margarina vegetale non idrogenata o altro burro vegetale (come il Burrolì). Alternativamente si può rimpiazzare con 5 cucchiai di olio di mais o di girasole ben freddo da frigo. Per la panna vegetale ho usato quella della Soyatoo perché ben spessa ma, dato il recente ritiro dal mercato, e nella speranza che esca presto un prodotto similare (io ne custodisco ancora gelosamente alcune confezioni in dispensa), si può sostituire con panna vegetale di mandorla, di avena, di farro o di soia (in vendita nei negozi di alimenti naturali). Prima di utilizzarle, tenetele in frigo una giornata, in modo che siano più dense.
Per la base ho utilizzato un sostituto vegan delle uova, più che altro perché ne ho una confezione da terminare a casa ma, senza magari andare in farmacia per trovarlo, è possibile sostituirlo con 16 g di amido di mais, sempre da mescolare in due cucchiai d’acqua fredda.
Gli attrezzi necessari sono un mattarello, una base per stendere la pasta e lo stampo basso da crostata, e un mixer o uno sbattitore elettrico per la crema.

Per la base:
farina di farro 175 g
zucchero di canna in polvere 15 g
burro di soia 75 g
sostituto vegano delle uova (No Egg) 7 g
acqua 2 cucchiai
limone 1
fagioli secchi 500 g
burro di soia e farina di farro per lo stampo

Per la crema:
tofu vellutato (kinugoshi) 275 g
amido di mais (maizena) 30 g
zucchero di canna grezzo 130 g
limoni 2
foglie di timo fresco 4 cucchiaini
panna vegetale da montare (Soyatoo) 300 ml

Per decorare:
rametti di timo
zucchero di canna in polvere

Lavate e asciugate i tre limoni. Grattugiate la buccia di uno solo. Tenetelo da parte insieme agli altri due.
Setacciate la farina e lo zucchero a velo. Tagliate il burro a cubetti e unitelo al composto di farine, amalgamando bene il tutto con un cucchiaio di legno.
Sciogliete il sostituto vegano delle uova nell’acqua, amalgamando bene, e unitelo all’impasto insieme alla buccia grattugiata del limone. Impastate velocemente, fino a ottenere una palla, avvolgetela nella pellicola trasparente e mettete in frigo per almeno 30 minuti.
Dieci minuti prima di tirate fuori l’impasto accendete il forno (ventilato) a 180°. Imburrate e infarinate uno stampo basso da crostata. Infarinate anche la spianatoia e il mattarello. Stendete la pasta frolla a un’altezza di circa mezzo centimetro. Arrotolatela poi intorno al mattarello, posatela sullo stampo e srotolatela, facendo aderire bene ai bordi l’impasto. Eliminate la pasta in eccesso che fuoriesce dai bordi.
Ricoprite la base con i fagioli secchi in modo da evitare che si gonfi in cottura (fatelo perché succede, tanto i fagioli potrete poi riutilizzarli per altre crostate, basta conservarli in un barattolo di vetro o, se siete proprio maniaci/che potrete procurarvi i fagioli di ceramica appositi…), e sistemate in forno (statico) per 10’.
Nel frattempo grattugiate gli altri due limoni, e spremeteli tutti e tre.
Amalgamate bene il tofu, l’amido di mais e lo zucchero nel mixer. Aggiungete il succo di limone, la buccia grattugiata, le foglie di timo e la panna. Mescolate bene col mixer in modo da ottenere una crema compatta e morbida.
Estraete la base dal forno, eliminate i fagioli e versatevi la crema di limone e timo. Livellate e cuocete in forno per 25’.
Al termine, estraetela dal forno, lasciatela raffreddare e, dopo averla sformata, servitela decorando con rametti di timo e una spolverata di zucchero a velo.

15 minuti + 35 minuti di cottura
+ 30 minuti di riposo

  • Share/Bookmark


Destinazione Svezia 1: Stoccolma

8 10 2011

stortorget

Destinazione Svezia: cinque puntate, cinque racconti per condividere le nostre ultime vacanze estive. Da Stoccolma a Göteborg, poi su fino nell’estremo nord lappone, e poi di nuovo verso sud fino terminando con un paio di giorni sull’isola di Gotland.
Poi prometto e giuro che torno a cucinare.

by night

A Stoccolma c’ero già stato quattro anni fa, dimenticando la macchina fotografica a casa. Poco male, mi sono rifatto questa volta. La capitale svedese, scenograficamente adagiata sul Baltico, è stata la nostra destinazione iniziale e finale. Ci ha accolti con la pioggia e ci ha purtroppo anche salutati con la pioggia in questa strana estate fredda. Per dormire, abbiamo scelto una soluzione spartana ma ideale: la Kronprinsesse Märtha, nave ancorata sul Baltico che ospita il LogInn Hotel.

our hotel relax northern light royal lion

Inutile dire che mezza giornata è stata interamente dedicata alla visita di Gamla Stan, la città vecchia, il cuore medievale, storico e geografico di Stoccolma. Piazze medievali, chiese e palazzi rinascimentali e barocchi si inseguono lungo le sue stradine tortuose. La cosa migliore da fare è quella di perdersi nei suoi meandri.

lost in gamla stan

Chai latte con latte di soia da Chockladkoppen sulla scenografica Stortorget prima di proseguire verso Storkyrkan, la cattedrale di Stoccolma, il più antico edificio cittadino (risalente al 1306).
Segue pranzo (ripetuto poi anche l’ultimo giorno di permanenza svedese) da Hermitage, accogliente ristorante vegetariano con menù a buffet. E, dall’altro lato della strada, si può fare una pausa con panetteria e dolci vegani e macrobiotici da Naturbageriet (ce n’è anche un’altra in Rehnsgatan, a Södermalm, ma è solo d’asporto e non ci si può sedere).

bicycle arctic berry cake in church

Sospinti dalla pioggia ci rifugiamo nel pomeriggio nel Kungliga Slottet, il palazzo reale di fine Seicento con i suoi sfarzosi appartamenti di stato, la Skattkammaren (la tesoreria reale in cui sono custoditi corone, scettri e altri ori e argenti), la Slottskyrkan (Cappella Reale), le sculture romane di Gustavo III nel neoclassico Gustav III:s Antikmuseum e le fondamenta del vecchio palazzo reale medievale andato a fuoco nel 1697 al Museum Tre Kronor.

kungliga slottet

Durante la visita ai vari ambienti veniamo però sorpresi da un gran baccano e musica a palla provenienti dall’esterno. Ci eravamo scordati del Stockholm Pride, la parata LGBT più importante del Nordeuropa.

stockholm pride 2011_mosaic1

D’obbligo interrompere momentaneamente la visita a palazzo per immergersi nel bagno di folla e assistere alla sfilata di gruppi di ogni genere, dai medici ai pompieri, dalle infermiere alle ginnaste. Non poteva mancare anche il gruppo vegan antispecista.

stockholm pride 2011 mosaic 2

In serata ci dirigiamo verso Norrmalm, con il suo miscuglio di edifici neoclassici e contemporanei. Vaghiamo alla ricerca di un ristorante, e incappiamo nell’ottimo Malaysia, con una vasta scelta di piatti vegani e di carni di soia (ottimo il satay).
Il cuore della vita notturna è però a Södermalm, l’elegante quartiere dove gustiamo un breve accenno di movida nordica al Marie Laveau, elegante bar di design ricavato in una vecchia macelleria. Meglio i cocktail della carne, no?

marie laveau

Il giorno successivo viene dedicato, nonostante il maltempo, alla Versailles svedese, a Ekerö, nella contea di Stoccolma: Drottningholm.

drottningholm

Il palazzo, Drottningholms Slott, contemporaneo di Versailles e scenograficamente affacciato sul Lago Mälaren, è eccezionale. La visita guidata consente di ammirarne i magnifici interni, tra cui la barocca camera da letto reale della regina Hedvig Eleonora.

drottningholm park drottningholm park hercules

Altrettanto eccezionali i giardini, in cui si nascondono, ben celati, il Kina Slott, il sontuoso padiglione cinese fatto costruire da re Adolfo Federico per il compleanno della consorte Lovisa Ulrika nel 1753 (pare in una sola notte), e la particolarissima Tenda delle Guardie, che tenda non è, sempre di fine Settecento.

kina slott

Uniche delusioni sono state l’impossibilità di visitare lo Slottsteater, chiuso per un allestimento teatrale, e il ristorante del complesso, il Drottningholms Paviljongen, dove ho recuperato solo una misera insalata (nessun problema invece per i vegetariani – ovunque è possibile trovare un’opzione senza carne e pesce).

stockholm, people, dogs

A Stoccolma ci rientriamo a fine vacanza, per trascorrervi le ultime 24 ore. L’addio alla città lo diamo la sera prima di partire, con la cena da Lao Wai, caldamente consigliatomi da Vale e Ale (grazie! tack!), stracolmo all’inverosimile, in cui ci fiondiamo nonostante avessi chiamato per prenotare e mi fosse stato detto che non c’era posto. Con faccia da tolla tipicamente italica, ci presentiamo lo stesso, e riusciamo ad accaparrarci un posticino. La cucina è deliziosa, e la scelta dei tè cinesi ottima.

unknown lao wai waiting for green light

L’ultimo giorno è dedicato, complice un volo di rientro in tarda serata, allo shopping: dai grandi magazzi Åhléns per acquistare souvenir e dvd di film svedesi mai usciti in Italia, a PUB (quelli dove aveva lavorato Greta Garbo prima di diventare famosa) a caccia di regali e di capi eco-friendly di stilisti svedesi (come House of Dagmar), dallo splendido Chockladfabriken, paradiso del cioccolato (i lecca lecca di cioccolato fondente!), a Small Island, con la sua nutrita selezione di cioccolato dei migliori produttori europei, nonché caffè e spezie, a Duranis, minuscolo concept store in Gamla Stan, dove, cercando di non distruggere le tazzine di antiquariato pericolosamente in bilico su cataste di libri sistemati alla bell’e meglio su contenitori di tè Kusmi, ho cercato di difendermi dal solerte spirito commerciale della proprietaria, Linnéa, accanita personal shopper decisa a farmi diventare il suo miglior cliente. Per mia fortuna si è dovuta scontrare con il tetto massimo della mia carta di credito.

chocolate tea a bit of everything pepparkakorna chockladfabriken PUB böcker

  • Share/Bookmark





Bad Behavior has blocked 4269 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail