Crostini integrali al timo con “brie” di soia e fragole all’aceto balsamico

23 06 2009

crostini al timo con brie di tofu e fragole all'aceto balsamico da te.

Ricetta rubata e adattata da Cucina Naturale di maggio: leggendo l’articolo dedicato alle fragole, sono rimasto abbagliato da questa ricetta colorata e coreografica. Sì, però… il brie come lo sostituisco? Non col tofu, troppo compatto e poco adatto a sposarsi con la croccantezza del pane tostato e con il turgore della fragola. Breve ricerca su Internet ed ecco svelato come realizzare un simil-brie 100% vegetale… Prima o poi questo libro sarà mio!!!

Crostini integrali al timo con “brie” di soia e fragole all’aceto balsamico
Anche questa è una di quelle ricette che sembrano apparentemente veloci, ma per cui si perde abbastanza tempo nella realizzazione delle forme. Un consiglio è quello di preparare il brie la sera prima, e dedicare un’oretta al taglio del pane, del “formaggio” e delle fragole. La ricetta utilizza la classica combinazione fragole-aceto balsamico, smorzata dal sapore pieno dei crostini al timo e dalla morbidezza del brie.  Le dosi sono per 6 persone.

Per il “brie”
latte di soia 250 ml
tofu vellutato 180 g
anacardi 90 g
lievito alimentare in fiocchi 20 g
tahin 2 cucchiai
germe di grano 3 cucchiai
agar agar in fiocchi 3 cucchiai
limone 1
aglio in polvere ½ cucchiaino
sale marino integrale 1 cucchiaino
coriandolo in polvere 1 pizzico
olio extravergine d’oliva 1 cucchiaio

Per i crostini
fragole 200 g
pane integrale 6 fette da 30 g l’una
“brie” di soia 300 g
aceto balsamico 6 cucchiai
malto di riso 1 cucchiaino
foglie di timo fresco 2 cucchiaini
olio extravergine d’oliva 2 cucchiai
sale marino integrale 1 pizzico

Per il brie di soia
Oliare uno stampo rotondo e spargervi il germe di grano.
Mescolare l’agar agar nel latte di soia e portare a ebollizione. Ridurre la fiamma al minimo e far bollire lentamente mescolando spesso per 5 minuti circa, in modo da sciogliere i fiocchi di agar agar. Lasciare intiepidire.
Tritare gli anacardi. Spremete il limone, raccogliendone il succo.
Versare il composto nel mixer insieme a tutti gli altri ingredienti. Azionare fino a rendere il composto perfettamente omogeneo.
Versare nello stampo, coprire con pellicola e tenere in frigo per 8 ore.

Per i crostini
Eliminare la crosta dal pane e, con un tagliabiscotti, ricavare dei crostini rotondi. Mescolarli con l’olio, il timo e il sale. Passarli in padella a fuoco medio per farli diventare croccanti.
Versare l’aceto balsamico e il malto in un pentolino e farli sobbollire a fuoco basso fino a quando il liquido non inizierà ad addensarsi. Far raffreddare.
Ricavare dal brie di soia tanti pezzi uguali per forma e dimensione ai crostini di pane e posarli sui crostini.
Lavare le fragole, lasciando il picciolo, e tagliare i due lati in modo da poterle appoggiare sui crostini. Sistemarle su ogni crostino.
Completare con una goccia di aceto balsamico su ogni fragola.

1h30′ + 8h di riposo

  • Share/Bookmark


Tofu al Lapsang Souchong con pepe di Szechuan

19 06 2009

lapsang souchong and star anise tofu with szechuan pepper da te.

Che si possa cucinare col tè è risaputo, ero io che non ne ero ancora totalmente conscio. Non che fossi diffidente, anzi, ma è che non avevo mai pensato al tè come a un possibile ingrediente per altri piatti. Ma da quando girovago in rete alla ricerca di nuovi spunti, e soprattutto da quando ho scoperto il curatissimo blog di Acilia,  mi frullano in mente tante idee sul suo utilizzo in cucina.
Per questa ricetta ho voluto utilizzare un tè affumicato cinese, il Lapsang Souchong, che, insieme all’anice stellato e al gusto forte di una salsa di soia come il tamari,  dà carattere al sapore neutro del tofu. La miscela di sale e pepe di Szechuan esalta infine l’aroma particolare e ben caratterizzato di questo piatto.
Se invece volete semplicemente assaporare questa bevanda meravigliosa, leggete qui.

 Tofu al Lapsang Souchong con pepe di Szechuan
Ricetta ideale come finger food e aperitivo. Intingete i cubetti nella miscela di sale e pepe di Szechuan, senza timore! Le dosi sono per 4 persone.

Ingredienti
tofu 300 g
tè affumicato Lapsang Souchong 4 cucchiaini
acqua minerale 700 ml
tamari 1 cucchiaio
anice stellato 2 stelle
sherry 1 cucchiaio
indivia riccia 1 cespo
sale marino integrale grosso 1 cucchiaino
pepe di Szechuan 1 cucchiaio

Per prima cosa, preparate il tè. Scaldate l’acqua minerale portandola quasi a ebollizione, spegnete e versate il tè. Lasciate in infusione per 5′. Scolate il tè con un colino.
Tagliate il tofu a cubetti.
Portate a ebollizione il tè. Unite il tamari, lo sherry, l’anice stellato e il tofu. Cuocete 15′ a pentola coperta.
Estraete il tofu e fatelo raffreddare.
Lavate e asciugate l’indivia, disponetela su un piatto insieme al tofu.
Pestate in un mortaio sale e pepe di Szechuan, da servire insieme al tofu, che andrà intinto nel composto.

40 minuti

Lapsang Souchong-flavoured tofu with Szechuan pepper
Ideal as finger food. The tofu cubes must be dipped into the salt and Szechuan pepper mix, without fear! Serves 4.

Ingredients
tofu 300 g (10.5 oz)
Lapsang Souchong smoked tea 4 teaspoons
mineral water 700 ml (3 cups)
tamari 1 tablespoon
star anise 2 stars
sherry 1 tablespoon
curly endive 1 head
unrefined coarse sea salt 1 teaspoon
Szechuan pepper 1 tablespoon

First, make the tea. Heat mineral water in a pot, remove the pot from the fire before it starts boiling and add the tea. Steep for 5 minutes and strain.
Cut the tofu into cubes.
Bring tea to a boil. Add tamari, sherry, star anise and tofu. Boil 15 minutes (place a lid on the pot). Then remove the tofu and let it cool.
Rinse and drain endive, place it on a plate together with the tofu cubes.
Grind salt and Szechuan pepper in a mortar with a pestle. This mix shall be used as a dip for the tofu cubes.

40 minutes

For more info about this wonderful strong, smoky tea, read here. And here to know how to drink it properly!

  • Share/Bookmark


Lifegate Café

15 06 2009

pic.JPG

 

Al Lifegate Café sono stato circa un anno fa, in occasione di un pomeriggio milanese dedicato alla Pinacoteca di Brera. Era da un po’ che volevo provare questo ristorante, legato a tutto il progetto LifeGate.
Personalmente sono diventato vegan per questioni animaliste, e solo dopo, documentandomi, ho poi scoperto anche le implicazioni ambientali dell’industria carnea. Immaginavo quindi che il Lifegate Café fosse un locale che, sulla base di quanto professa, offrisse una ricca e interessante offerta di piatti vegetali, pur sapendo che anche carne e pesce erano presenti.
Con mia (somma?) sorpresa mi sono invece trovato di fronte a un menù essenzialmente inclinato su carne (la fiorentina?!) e pesce, con relativamente poche opzioni vegetali (per carità, tre secondi diversi a base di seitan, ma contro una decina di piatti di carni rosse e bianche e di pesce). E meno male che sono ambientalisti ;-)
 

pict0041.JPG

Per quanto riguarda nello specifico la cucina, non l’ho trovata particolarmente entusiasmante. Niente di originale a livello di proposte veg, come potete vedere anche dal menù, e nessuna particolare cura nella presentazione dei piatti. Sulla qualità del cibo nulla da eccepire, sia ben chiaro: i prodotti sono tutti bio e si sente.

pict0040.JPG

L’ambiente è piacevole, arredato con cura su tonalità neutre, con (com’è tradizione in molti locali del genere), grandi lavagne in ardesia con l’indicazione del “credo” del locale e di alcune delle loro proposte, tavoli e sedie in legno naturale, e opere d’arte alle pareti.
Altro punto sicuramente a favore è l’apertura di domenica, sia a pranzo che a cena, dato che di ristoranti aperti a Milano di domenica sera non ce n’è poi tanti.
Da provare? Magari sì, soprattutto se dovete mettere d’accordo amici onnivori poco inclini alle gioie della cucina veg. Almeno non dovrete scervellarvi per capire se quegl’inquietanti relitti che fanno capolino nella pasta e fagioli sono pezzetti di salsiccia.

pict0030.JPG

Lifegate Café
via della Commenda 43
20122 Milano
Tel. 02 5450765
Metro: Crocetta
Google Maps

Cucina: biologica, italiana, mediterranea - anche vegetariana e vegan
Orari: 12-15 e 20-23, chiuso il martedì
Prezzi: EUR 25-30
Specialità: tofu grigliato con battuto di verza stufata e salsa di soia; couscous vegetariano alla mediterranea; zuppa del giorno; burger e crocchette di seitan alla “Ernesto” con germogli di soia; bocconcini di tofu e seitan saltati in padella; insalatona vegetariana con tofu, mandorle e germogli di soia; insalate miste. Birre bio, artigianali e di quinoa; succhi di frutta, spremute, centrifugati; latti vegetali; bevande bio.
Note: seggioloni per bambini; cani bene accetti (disponibili cuscinoni); il locale dovrebbe inoltre essere accessibile ai disabili (ma non i bagni).
Altre recensioni: VeganHome

Some info in English…

The Lifegate Café is a vegan-friendly organic restaurant in Milan. It belongs to the Lifegate platform, a network that aims at promoting a new economic model where profit, environmental safeguard and care for social issues can coexist. They have a radio broadcasting all over Italy, a website, a magazine, and a restaurant.
Well, what to say about the restaurant? I must admit I was somehow disappointed. Not because of the (all-organic) food, but for their odd sense of environmentalism… Their menu is in fact filled with meat and fish dishes, and vegan options are just a few. OK, you can choose among three different seitan main courses, but you would expect more vegetarian and vegan options than meat-based meals in a restaurant claiming itself a “zero impact” place.
Anyway, it’s a good spot if you are in Milan with meat eaters, so you don’t have to struggle to get a decent vegan meal or argue about the restaurant to go! The atmosphere is laid back, and the food is quite good. In addition, it’s one of the few restaurants in Milan open on Sundays, when the city doesn’t really seem the bustling economic and financial centre of the boot!

Lifegate Café
via della Commenda 43
20122 Milano
Tel. +39 02 5450765
Metro: Crocetta
Google Maps

Cuisine: organic, Italian, Mediterranean - not 100% vegetarian, vegan-friendly
Opening times: 12 am-3 pm & 8 pm-11 pm, closed on Tuesdays
Prices: EUR 25-30 (GBP 21-25, USD 35-40)
Main dishes: grilled tofu with cabbage stew and soy sauce; Mediterranean-style veg couscous; soup of the day; “Ernesto”-style seitan burgers and nuggets with soy sprouts; sauteed seitan and tofu titbits;  veg salad with tofu, almonds and soy sprouts; mixed salads. Organic brewed beers, quinoa beer; fresh fruit juices, squeezes and smoothies; vegetable-based milk; organic soft drinks.  
Notes: high chairs for babies; dogs are welcome (cushions available); wheelchair accessible (but not the toilets). Menu is just in Italian, but staff should speak English, too.

  • Share/Bookmark


Vegfestival 2009 - 4 giorni dopo…

11 06 2009

Ovvero il tempo necessario a riprendersi :-)
In realtà 3 giorni, lunedì l’abbiamo passato a smontare il tutto dalle 9 di mattina alle 3 di notte…
Che dire, siamo soddisfatti, sembra esserci stata una buona affluenza di pubblico.

In ogni caso tante le attività e le novità di quest’anno, in ordine sparso:
- bar benessere al coperto
- spettacolo di circo senza animali
- 3 giorni di conferenze continue su tantissimi aspetti del vegetarismo
- ristorante vegan con un’ampia scelta di piatti
- paninoteca e crêperie vegan (bbbone!!!)
- gelateria (tutto esaurito già la domenica pomeriggio)
-  pizzeria (mozzarella vegan, naturalmente!)
- più di 30 stand commerciali completamente cruelty-free (per fortuna il mio portafoglio si è salvato grazie ai continui impegni che non mi hanno permesso di girare più di tanto)
- laboratori e autoproduzione (cucina, cosmetici, borse)
- spazio bambini con veg-merenda e animazione
- proiezioni di filmati e mostra fotografica sullo sfruttamento animale e sulla scelta vegan
- concerti e spettacoli teatrali ogni giorno
- presentazione libri
- area benessere con trattamenti

Un ringraziamento speciale a tutti i “colleghi” dell’organizzazione, ai 90 volontari che non si sono risparmiati e che sono accorsi da tutta Italia, e a tutti i visitatori (e mi ha fatto piacere scoprire e conoscere anche diversi miei lettori anonimi, oltre ai volti già conosciuti!).

In attesa del resoconto post-festival e delle foto sul sito ufficiale, andate a leggervi il divertente resoconto degli inglesi di Vegan Body Building, che hanno tenuto una conferenza, gestito uno stand informativo e organizzato anche una gara di flessioni ;-)

  • Share/Bookmark





Bad Behavior has blocked 17497 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail